Vangelo del giorno meditato
«Quello che è di Cesare rendetelo a Cesare, e quello che è di Dio, a Dio.»

Vangelo del giorno meditato
«Ecco tuo figlio! Ecco tua madre!»
1 Giugno 2020
Vangelo del giorno meditato
«Non è Dio dei morti, ma dei viventi!»
3 Giugno 2020

Vangelo del giorno meditato
«Quello che è di Cesare rendetelo a Cesare, e quello che è di Dio, a Dio.»

Mc 12,13-17
+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, mandarono da Gesù alcuni farisei ed erodiani, per coglierlo in fallo nel discorso.
Vennero e gli dissero: «Maestro, sappiamo che sei veritiero e non hai soggezione di alcuno, perché non guardi in faccia a nessuno, ma insegni la via di Dio secondo verità. È lecito o no pagare il tributo a Cesare? Lo dobbiamo dare, o no?».
Ma egli, conoscendo la loro ipocrisia, disse loro: «Perché volete mettermi alla prova? Portatemi un denaro: voglio vederlo». Ed essi glielo portarono.
Allora disse loro: «Questa immagine e l’iscrizione, di chi sono?». Gli risposero: «Di Cesare». Gesù disse loro: «Quello che è di Cesare rendetelo a Cesare, e quello che è di Dio, a Dio».
E rimasero ammirati di lui.

Parola del Signore

 


 

…Meditiamo…

 

Come vivere questa Parola?

 

Il contesto di questa pericope è famoso e importante perché, con la sua risposta alla questione del tributo a Cesare, Gesù dichiara che il Regno di Dio non è di questo mondo, però si attua in esso.

Ma è interessante anche la nostra pericope perché mette a fuoco aspetti di grande rilievo circa la persona di Cristo Gesù.

Intanto quel che vien detto di Lui è anzitutto la trasparenza del suo pensare e dire che coincidono col suo fare e col suo essere. Quale ?essere’? Quello di una veridicità assoluta, che non si lascia tarpare le ali da quel che può pensare giudicare e dire la gente.

Gesù infatti è Maestro vero. Perché il suo insegnamento è la verità essenziale che coincide con la “via additata da Dio”.

Certo, di Gesù possiamo dire che è l’uomo libero per eccellenza. E dunque il Verbo di Dio, fatto uomo, indica a noi quello stile di vita assolutamente libero da impacci e paura del giudizio altrui (con relative ?paralisi’ sull’impegno del bene) che spesso rendono la convivenza oscurata da diffidenza doppiezza e pusillanimità in un agire insincero, tinteggiato di viltà.
Signore Gesù, rafforza in me la continua ammirazione per la Tua Persona e fa’ che l’aspetto del Tuo essere ?vero e trasparente’ sia per me stimolo, aiuto e modello perché nelle “arterie” di questo mondo io aiuti a far scorrere verità e vita.

La voce di Papa Francesco

«Uscire da sé stessi è uscire anche dal recinto dell’orto dei propri convincimenti considerati inamovibili se questi rischiano di diventare un ostacolo, se chiudono l’orizzonte che è di Dio.”

 

 

(Casa di preghiera San Biagio)

//]]>