Vangelo del giorno meditato
«Tu sei Pietro, e a te darò le chiavi del regno dei cieli.»

Meditiamo il Vangelo di oggi
«Guardatevi dal lievito dei farisei e dal lievito di Erode»
19 Febbraio 2019
Meditiamo il Vangelo di oggi
«Siate misericordiosi, come il Padre vostro è misericordioso»
24 Febbraio 2019

Vangelo del giorno meditato
«Tu sei Pietro, e a te darò le chiavi del regno dei cieli.»

Mt 16,13-19
+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù, giunto nella regione di Cesarèa di Filippo, domandò ai suoi discepoli: «La gente, chi dice che sia il Figlio dell’uomo?». Risposero: «Alcuni dicono Giovanni il Battista, altri Elìa, altri Geremìa o qualcuno dei profeti».
Disse loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente».
E Gesù gli disse: «Beato sei tu, Simone, figlio di Giona, perché né carne né sangue te lo hanno rivelato, ma il Padre mio che è nei cieli. E io a te dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le potenze degli inferi non prevarranno su di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli: tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli».

Parola del Signore

 


 

Immaginiamo che Gesù, così come ha fatto con i due discepoli di Emmaus, incontri oggi per la strada un cristiano e gli chieda: ?Chi è per te Gesù Cristo? Cosa mi dici di Lui? Vorrei divenire cristiano anch’io. Mi sapresti dire qual è la differenza tra un cristiano e chi cristiano non è??. Sono certo che Cristo Gesù mai verrebbe a conoscenza della sua verità e neanche conoscerebbe perché è cosa buona per lui divenire cristiano, abbracciare la fede e la religione del Maestro di Nazaret.
Oggi cosa dice la gente di Gesù? Dice che: ?Gesù va cancellato dalla storia religiosa dell’umanità; il suo Vangelo non è legge di vita; non c’è bisogno né di salvatore e né di redentori; tutte le religioni sono uguali; non vi è nessuna preminenza né di verità, né di morale delle une sulle altre?. Dice ancora che: ?Neanche deve apparire che la religione cristiana debba essere considerata la sola religione nella quale si fa il vero uomo. Né è giusto che le si dia un posto di rilievo. Essa è come le altre, se non inferiore alle altre?.
Chi dice questo di Gesù non sono coloro che non lo conoscono, ma quanti si dicono suoi discepoli. È da costoro che viene il più alto tradimento di Gesù, la sua consegna all’indifferenza, all’ignoranza, non conoscenza, dimenticanza, cancellazione dalla storia, abolizione del suo culto, negazione della sua unicità di Salvatore e Redentore, abrogazione della sua mediazione universale nella verità, nella luce, nella grazia, nella ricomposizione e nuova creazione dell’uomo, nella giustificazione, nella elevazione.
Se Gesù, sempre in incognito, si accostasse ai grandi dottori e professori della scienza teologica e della sacra dottrina e chiedesse un loro parere sul Cristo di Dio, anche costoro sarebbero in grande imbarazzo. Per molti di loro il Cristo di Dio era di Dio solo per ieri, per il tempo che è ormai trascorso. Oggi si ha bisogno di nuove vie, nuove strade, nuovi sentieri. Ad un mondo che cambia non si può più annunziare un Vangelo nato per altri tempi e altri uomini. Oggi tutto è cambiato. Si sono abolite le religioni come via di salvezza e di redenzione. Gesù è divenuto inutile come tutti gli altri fondatori di religione. La salvezza è assicurata a tutti. Non vi è alcuna perdizione.
Uno solo sulla terra mai perderà la fede e la verità di Gesù Signore: Pietro e la Chiesa costruita su di Lui. Pietro però mai dovrà comportarsi come si è comportato nel cortile del sommo sacerdote. Mai dovrà avere paura del mondo e dire che Lui Cristo non lo conosce. Il mondo approfitterebbe di questa sua fragilità o paura degli uomini e gongolerebbe per tutte le nefandezze che dice su Cristo Gesù. Né deve comportarsi come si è comportato ad Antiochia. Prima si sedeva a mensa con i pagani e poi per timore dei Giudei si ritirò da essi, causando non pochi disagi nella fede dei semplici e dei piccoli. Né ancora dovrà mai dire al Signore che lui mai ha mangiato qualcosa di impuro, perché nessun uomo è impuro per il Signore. Tutti sono da redimere e da salvare. Infine non dovrà neanche comportarsi come ha fatto nella casa di Cornelio, lasciandosi anticipare dallo Spirito santo, prima di prendere la giusta decisione. Lui sempre dovrà sfidare il mondo intero e dire chi è Cristo secondo verità e dalla verità di Cristo prendere tutte quelle decisioni perché Cristo e la sua verità illuminino i cuori.

Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, dateci la verità di Cristo Gesù.

 

(Movimento Apostolico)

 

//]]>