Vangelo del giorno meditato
«Il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo.»

Liturgia delle ore: Vespri
8 Settembre 2017
Liturgia delle ore: Ufficio delle letture
9 Settembre 2017

Vangelo del giorno meditato
«Il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo.»

Mt 1,18-23

Dal Vangelo secondo Matteo

Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto.
Mentre però stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».
Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: «Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio: a lui sarà dato il nome di Emmanuele», che significa Dio con noi.

Parola del Signore


 

Se leggiamo con attenzione il racconto del concepimento e della nascita di Cristo Gesù, dobbiamo affermare una stupenda verità: con Cristo Signore Dio ha operato una vera nuova creazione. Le modalità sono opposte alla prima, nella quale Dio creò Adamo e da Adamo trasse Eva, senza il concorso della donna. Eva è stata tratta da Adamo, ma direttamente da Dio, con azione personale. Ora Dio prima crea la donna, la fa nascere immacolata, senza macchia, purissima. Da lei trae, senza il concorso dell’uomo, il suo Figlio Unigenito Incarnato. Con una differenza, anch’essa sostanziale: Eva non è figlia di Adamo, anche se è carne dalla sua carne e osso dalle sue ossa. Gesù invece è vero Figlio di Maria, perché realmente, sostanzialmente, veramente è stato concepito e partorito. Maria è vera Madre di Dio perché da Lei nasce il Figlio eterno del Padre come vero e perfetto uomo. Il vero Dio in lei si fa vero uomo.
Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto. Mentre però stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati». Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio: a lui sarà dato il nome di Emmanuele, che significa Dio con noi.
Giuseppe deve dare a Gesù la discendenza legale. Per lui, per la sua adozione, il figlio di Maria diviene vero figlio di Davide. Per lui, Dio adempie la sua promessa di dare a Davide un discendente dal regno eterno. Le vie di Dio però non sono quelle dell’uomo. Con Gesù, Davide diviene padre alla maniera di Dio, non alla maniera degli uomini. È padre per adozione, non per generazione secondo la carne. Così è Dio per noi: Padre per adozione, non Padre per generazione eterna o nel tempo. Noi non siamo natura da natura eterna, né sostanza da sostanza divina. Siamo resi però partecipi della natura divina, perché generati da acqua e da Spirito Santo. Maria è Madre e Vergine in eterno. È Madre Vergine del Dio con noi, dell’Emmanuele, del Dio che si è fatto uno di noi, per essere sempre con noi e abitare in mezzo a noi per sempre.

Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli e Santi, dateci la verità del mistero.

 

(Movimento Apostolico)

 

//]]>