Vangelo del giorno meditato
«Giovanni, l’ho fatto decapitare io; chi è dunque costui, del quale sento dire queste cose?»

Meditiamo il Vangelo
«Li mandò ad annunciare il regno di Dio e a guarire gli infermi»
23 Settembre 2020
Meditiamo il Vangelo
«Tu sei il Cristo di Dio. Il Figlio dell’uomo deve soffrire molto»
25 Settembre 2020

Vangelo del giorno meditato
«Giovanni, l’ho fatto decapitare io; chi è dunque costui, del quale sento dire queste cose?»

Lc 9,7-9
+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, il tetràrca Erode sentì parlare di tutti questi avvenimenti e non sapeva che cosa pensare, perché alcuni dicevano: «Giovanni è risorto dai morti», altri: «È apparso Elìa», e altri ancora: «È risorto uno degli antichi profeti».
Ma Erode diceva: «Giovanni, l’ho fatto decapitare io; chi è dunque costui, del quale sento dire queste cose?». E cercava di vederlo.

Parola del Signore

 


 

Come vivere questa Parola?

Nella coscienza di Erode risuona un interrogativo inquietante: chi è Gesù del quale sente parlare? Sarà il Battista – da lui fatto decapitare – ritornato in Vita? Sarà Elia o uno dei grandi profeti che appaiono di nuovo? La venuta di Cristo sconvolge Erode: lo rende curioso ed anche timoroso del suo potere. Il potente vuole mettere sotto controllo tutto, perché nulla sfugga dalle sue mani: è lo scontro tra chi vuole dominare il mondo e chi vuole liberarlo dal male.

Anche la presenza di Cristo nella nostra vita provoca in noi delle domande fondamentali, non ci lascia indifferenti, ci spinge a cercare la verità, ci sollecita ad un esame di coscienza sul nostro comportamento. Per saper chi è Gesù, dobbiamo lasciarci guidare dalla fede e dell’amore, non da una curiosità o da ragionamenti umani.

O Signore, aiutami a riconoscerti come Figlio di Dio, a desiderare di convertimi dal mio peccato di presunzione e di orgoglio, ad delimare anche l'”Erode” che è dentro di me, che mi sollecita alla curiosità indiscreta e mi impedisce di accettare il tuo mistero. Amen

La voce di un santo

«Una volta trovate e messe insieme le brutture peccaminose della tua coscienza, detestale e respingile con una contrizione e un dispiacere grande quanto il tuo cuore riesce a concepire, prendendo in considerazione questi quattro punti: per il peccato tu hai perso la grazia di Dio, hai perso il diritto al paradiso, hai accettato i tormenti eterni dell’inferno, hai rinunciato all’eterno amore di Dio».

San Francesco di Sales, Filotea parte I, capitolo VI

Casa di preghiera San Biagio

 

//]]>