Vangelo del giorno meditato
«Il Figlio dell’uomo sta per essere consegnato. Avevano timore di interrogarlo su questo argomento»

Vangelo del giorno meditato
«Giovanni, l’ho fatto decapitare io; chi è dunque costui, del quale sento dire queste cose?»
23 Settembre 2021

Vangelo del giorno meditato
«Il Figlio dell’uomo sta per essere consegnato. Avevano timore di interrogarlo su questo argomento»

Lc 9,43-45
+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel giorno, mentre tutti erano ammirati di tutte le cose che faceva, Gesù disse ai suoi discepoli: «Mettetevi bene in mente queste parole: il Figlio dell’uomo sta per essere consegnato nelle mani degli uomini».
Essi però non capivano queste parole: restavano per loro così misteriose che non ne coglievano il senso, e avevano timore di interrogarlo su questo argomento.

Parola del Signore

 


 

Come vivere questa Parola?

Gesù rivela ai suoi discepoli il suo futuro difficile e doloroso (essere consegnato nelle mani degli uomini, senza la possibilità di difendersi) mentre essi aspettavano il suo trionfo. Essi non prendono in considerazione l’ipotesi che il loro Maestro, ammirato e applaudito dalla gente, possa andare incontro ad un destino tragico per salvare gli uomini. La loro logica non prevede la passione e la morte sulla croce: solo dopo la risurrezione comprenderanno che anch’essi dovranno imitare il loro Signore nel diffondere il Vangelo e subire persecuzioni e contrasti. Adesso invece si rifiutano di comprendere e non osano nemmeno chiedere spiegazioni.

Anche a noi talvolta siamo delusi, quando – chiudendoci in noi stessi – vediamo stroncata ogni speranza di umana grandezza e di ogni protezione dalla sofferenza. Non mettiamo in conto che solo testimoniando il messaggio evangelico di morte e risurrezione, anche nel dolore, avremo la certezza di comprendere la vita di Gesù e la nostra vita, e di essere confortati nei dubbi e nelle incertezze. Spesso per arrivare alla “domenica di resurrezione”, bisogna passare attraverso la sofferenza del “venerdì santo”. O Signore, dammi la fiducia di essere sempre con te, che mi ami immensamente, anche nei momenti in cui devo portare la mia croce (malattie, contrasti, limitazioni, insuccessi…). Aiutami ad entrare nel tuo mistero per essere pienamente tuo discepolo.

 

Casa di preghiera San Biagio

 

//]]>