Vangelo del giorno meditato
«Quello che hai preparato, di chi sarà?»

Vangelo del giorno meditato
«Rendete a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio»
18 Ottobre 2020
Vangelo del giorno meditato
«Beati quei servi che il padrone al suo ritorno troverà ancora svegli»
20 Ottobre 2020

Vangelo del giorno meditato
«Quello che hai preparato, di chi sarà?»

Lc 12,13-21
+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, uno della folla disse a Gesù: «Maestro, di’ a mio fratello che divida con me l’eredità». Ma egli rispose: «O uomo, chi mi ha costituito giudice o mediatore sopra di voi?».
E disse loro: «Fate attenzione e tenetevi lontani da ogni cupidigia perché, anche se uno è nell’abbondanza, la sua vita non dipende da ciò che egli possiede».
Poi disse loro una parabola: «La campagna di un uomo ricco aveva dato un raccolto abbondante. Egli ragionava tra sé: “Che farò, poiché non ho dove mettere i miei raccolti? Farò così – disse –: demolirò i miei magazzini e ne costruirò altri più grandi e vi raccoglierò tutto il grano e i miei beni. Poi dirò a me stesso: Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; ripòsati, mangia, bevi e divèrtiti!”. Ma Dio gli disse: “Stolto, questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita. E quello che hai preparato, di chi sarà?”. Così è di chi accumula tesori per sé e non si arricchisce presso Dio».

Parola del Signore


Si erano rivolti a Gesù per una questione di eredità. E il Signore aveva preso le distanze da questo tipo di cose. Egli vuole educare l’uomo ad essere libero, così narra la parabola del ricco sedotto dal progetto di ristrutturare i suoi granai, per potervi accumulare le ricchezze sempre in aumento. Ma quel che manca al bilancio del ricco della parabola è una realtà semplice ed evidentissima: la morte, proprio la sua morte. In effetti a pensarla come un fatto generale, come qualcosa che deve arrivare, magari repentina, sulla pelle degli altri, si fa in fretta. Ma che possa capitare proprio a me, e quando non me l’aspetto, è una verità meno familiare e poco gradita.

Eppure realizza veramente la propria vita solo chi esce dalla stoltezza di dimenticare che la morte esiste. Perché il pericolo che incombe su ognuno è quello di lasciarsi talmente immischiare nel possesso delle cose da esserne posseduti; il pericolo è darsi talmente all’accumulo, non solo della roba ma di ogni bene passeggero da diventarne prigioniero. È il falso arricchire che, oggi più che mai, si rivela fragile e precario come tutto il mondo finanziario in bilico.

È il mio cuore profondo orientato a Dio, all’avvento del suo Regno, l’unica vera ricchezza: quella che mi dà pace in questa vita e dura nell’intramontabile gioia dell’oltre.

Oggi, nella mia pausa contemplativa, considerando il mio legame con le cose e con il desiderio di ricchezza, mi situo al limite tra la vita e la morte e valuto come posso riorientare la mia vita.

Signore, fammi lucido e lieto nella certezza che morire in Te, è venire da Te dunque è un guadagno. Amen

 

Casa di Preghiera San Biagio

 

//]]>