Vangelo del giorno meditato
«Così accadrà nel giorno in cui il Figlio dell’uomo si manifesterà»

Vangelo del giorno meditato
“Il regno di Dio è in mezzo a voi.”
15 Novembre 2018
Vangelo del giorno meditato
«Dio farà giustizia ai suoi eletti che gridano verso di lui.»
17 Novembre 2018

Vangelo del giorno meditato
«Così accadrà nel giorno in cui il Figlio dell’uomo si manifesterà»

Contribuisci anche tu a diffondere la Parola di Dio, inviaci la tua meditazione al Vangelo del giorno da pubblicare qui, grazie in anticipo per il tuo prezioso contributo!

Invia il tuo commento

 

Lc 17,26-37

+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Come avvenne nei giorni di Noè, così sarà nei giorni del Figlio dell’uomo: mangiavano, bevevano, prendevano moglie, prendevano marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca e venne il diluvio e li fece morire tutti.
Come avvenne anche nei giorni di Lot: mangiavano, bevevano, compravano, vendevano, piantavano, costruivano; ma, nel giorno in cui Lot uscì da Sòdoma, piovve fuoco e zolfo dal cielo e li fece morire tutti. Così accadrà nel giorno in cui il Figlio dell’uomo si manifesterà.
In quel giorno, chi si troverà sulla terrazza e avrà lasciato le sue cose in casa, non scenda a prenderle; così, chi si troverà nel campo, non torni indietro. Ricordatevi della moglie di Lot.
Chi cercherà di salvare la propria vita, la perderà; ma chi la perderà, la manterrà viva.
Io vi dico: in quella notte, due si troveranno nello stesso letto: l’uno verrà portato via e l’altro lasciato; due donne staranno a macinare nello stesso luogo: l’una verrà portata via e l’altra lasciata».
Allora gli chiesero: «Dove, Signore?». Ed egli disse loro: «Dove sarà il cadavere, lì si raduneranno insieme anche gli avvoltoi».

Parola del Signore

 


 

Ci sono momenti della nostra vita nei quali la salvezza nasce solo dalla fuga. Attardarsi un attimo per contemplare ciò che succede attorno a noi equivale a morte certa. A noi è concesso di salvare solo la vita. Tutto il resto dovrà essere lasciato, abbandonato, dimenticato. La moglie di Lot solo per un attimo si fermò a guardare e divenne una statua di sale. Neanche osservare si può. Si deve solo fuggire, andare via.
Gesù chiede ai suoi ascoltatori di immergersi pienamente in questa verità storica. Dovendo noi lasciare, abbandonare, rinunziare ad ogni cosa, perché non distacchiamo prima il nostro cuore, la nostra mente, i nostri desideri, la nostra volontà? Le rinunce fatte in vita in favore dei fratelli ci procurano una smisurata gioia eterna. Se ci priviamo delle cose perché la morte o la storia ce lo impongono, perdiamo ogni merito e la nostra eternità sarà ben misera, se addirittura non sarà di morte eterna. Noi non sappiamo quando ci dobbiamo distaccare dai beni che possediamo. Questo distacco potrebbe avvenire anche subito, oggi, in questo istante. Perché allora non liberarsi da tutto ciò di cui ci si può liberare così da arricchire per il Cielo? È questa la somma norma, la norma più santa, per gustare bene sia la terra che il Cielo.
Quando questi tempi bui della storia si riversano sull’umanità, chi muore, chi vive, chi resta, chi se ne va? Nessuno lo sa. Sullo stesso luogo l’uno parte e l’altro resta. Nella stessa casa l’uno resta e l’altro parte. Ognuno di noi è obbligato a pensare che il suo tempo è sempre pronto e per questo urge che viva di somma libertà verso le cose.

Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, dateci la più grande libertà.

 

 

(Movimento Apostolico)

 

LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

//]]>