Vangelo del giorno meditato
«Quando vedrete accadere queste cose, sappiate che il regno di Dio è vicino.»

Liturgia delle ore: Vespri
30 Novembre 2017
Liturgia delle ore: Ufficio delle letture
1 Dicembre 2017

Vangelo del giorno meditato
«Quando vedrete accadere queste cose, sappiate che il regno di Dio è vicino.»

Lc 21,29-33
+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli una parabola:
«Osservate la pianta di fico e tutti gli alberi: quando già germogliano, capite voi stessi, guardandoli, che ormai l’estate è vicina. Così anche voi: quando vedrete accadere queste cose, sappiate che il regno di Dio è vicino.
In verità io vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto avvenga. Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno».

Parola del Signore

 


 

 

Gesù ha dato ad ogni suo discepolo lo Spirito Santo con i suoi santi sette doni, il primo tra i quali è la sapienza. Lui non vuole discepoli stolti, insipienti, ciechi, frastornati, confusi, indecisi, ottenebrati nella mente e nel cuore. Li vuole pieni di saggezza e di intelligenza, avvolti sempre dalla luce più grande. Li vuole vere sentinelle nella Chiesa e nel mondo, sentinelle di luce contro tutte le tenebre che sempre avvolgeranno mente e cuore di tutti. Quanto la Scrittura insegna della sapienza è luce appena intravista in relazione alla luce piena con la quale lo Spirito Santo vuole ricolmare i cristiani. Come la sapienza accompagna, precede e segue ogni azione di Dio nell’opera della creazione, così deve precedere, seguire, accompagnare ogni azione del discepolo di Gesù nella creazione della sua nuova vita fino al suo perfetto compimento. Questo però esige non solo che la sapienza venga sempre vivificata dal cristiano, ma anche che lui si allontani da ogni vizio, peccato, disobbedienza della Legge di Cristo Gesù. La sapienza cresce in lui in misura della sua vita evangelica. Più sarà evangelica la sua vita e più in lui abbonderà la sapienza. Sapienza e peccato, sapienza e vizio, sapienza e stoltezza, sapienza e disobbedienza mai potranno convivere. La crescita in sapienza deve essere perennemente accompagnata dalla crescita nella grazia.
Crescendo in sapienza il cristiano sa leggere i segni dei tempi offerti da Dio perché lui possa dare luce ai suoi fratelli, sia di fede che di non fede. Se lui manca di sapienza, nessun segno di Dio saprà leggere e il mondo per lui rimarrà nelle tenebre, mai vedrà la luce. Gli manca il “lettore” dei segni del suo Dio. Anche la Chiesa, per la sua vita, necessita di cristiani sapienti, intelligenti. La sapienza è la luce che illumina la carità, la fede, la speranza, la legge, la morale, la liturgia, il diritto, le prescrizioni, ogni statuto e norma vigente. Senza sapienza tutto potrebbe divenire strumento di morte e non di vita. La sapienza invece ci fa conoscere la volontà di Dio in ogni cosa.
Anche i sacramenti hanno bisogno della sapienza dello Spirito Santo. Mai un prete potrà vivere il suo ministero – vale anche per ogni altro ministero nella Chiesa – se manca di sapienza. Senza sapienza si trasformerà in un fariseo, scriba, sadduceo, sommo sacerdote del tempo di Gesù. La sapienza sempre ci aiuterà a comprendere i segni della presenza di Dio in ogni momento della nostra vita. Chi però non cresce nella grazia, mai potrà crescere in sapienza. Può anche essere persona ragguardevole, alta, importante per gli uomini. Per il Signore è stolto e insipiente.

Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, fateci crescere in grazia.

 

 

(Movimento Apostolico)

 

LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

//]]>