Vangelo del giorno meditato
«Insegnava loro come uno che ha autorità»

Liturgia delle ore: Vespri
28 Gennaio 2018
Compieta della Domenica
28 Gennaio 2018

Vangelo del giorno meditato
«Insegnava loro come uno che ha autorità»

Mc 1,21-28
+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù, entrato di sabato nella sinagoga, [a Cafàrnao,] insegnava. Ed erano stupiti del suo insegnamento: egli infatti insegnava loro come uno che ha autorità, e non come gli scribi.
Ed ecco, nella loro sinagoga vi era un uomo posseduto da uno spirito impuro e cominciò a gridare, dicendo: «Che vuoi da noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? Io so chi tu sei: il santo di Dio!». E Gesù gli ordinò severamente: «Taci! Esci da lui!». E lo spirito impuro, straziandolo e gridando forte, uscì da lui.
Tutti furono presi da timore, tanto che si chiedevano a vicenda: «Che è mai questo? Un insegnamento nuovo, dato con autorità. Comanda persino agli spiriti impuri e gli obbediscono!».
La sua fama si diffuse subito dovunque, in tutta la regione della Galilea.

Parola del Signore

 


Lasciarsi afferrare dalla persona di Cristo: ecco dove ha inizio l’identità del cristiano. Nel fascino di uno che, oggi come ieri e come domani, esercita una forza che è autorità. Ed è talmente una forza interiore l’autorità che si differenzia dal potere proprio in questo.

Chi ha autorità (e qui s’intende ovviamente autorità come autorevolezza) è capace di persuadere al bene e di orientare gli altri a ciò che è giusto. Chi invece ha potere (fosse pure un’autorità anche riconosciuta in campo civile e forse anche ecclesiastico) e si serve del potere solo per i propri interessi, danneggia il prossimo e, a lungo andare, anche se stesso.

Sì, perché vivere è dare gloria a Dio servendo con amore i fratelli.
Diversamente la vita è menzogna: un vero disastro!

Ecco, il vangelo odierno che ha per centro quell’imperioso comando di Gesù al demonio: “Taci, esci!” esplicita pienamente l’autorevolezza di Cristo Signore che, con due soli verbi, libera l’indemoniato dal potere del maligno. Sì, in qualche misura, anche il cristiano è chiamato ad essere autorevole, cioè “vero”, “autentico” in tutto quello che pensa, dice, fa.

Là dove vivo come casalinga o impiegato, o scrittore, o medico o geometra o altro, sono autorevole se compio bene serenamente e per amore quello che faccio.

Non permettere, Signore, che io eserciti il potere da egoista-tiranno. Né sui bambini, né suglli anziani, né sulla moglie o il marito, o sul cane o sul gatto. Rendimi autorevole perché capace della gioia di amare.

La voce di un dottore della Chiesa

Due amori fecero due città: la città terrena l’amore di sé fino al disprezzo di Dio, la città celeste l’amore di Dio fino al disprezzo di sé.
S. Agostino

 

(Casa di preghiera San Biagio)

LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

//]]>