Vangelo del giorno meditato
«Guarì molti che erano affetti da varie malattie»

Vangelo del giorno meditato
“Erano come pecore che non hanno pastore”
6 Febbraio 2021
Vangelo del giorno meditato
“Quanti lo toccavano venivano salvati”
8 Febbraio 2021

Vangelo del giorno meditato
«Guarì molti che erano affetti da varie malattie»

 

Mc 1,29-39
+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù, uscito dalla sinagoga, subito andò nella casa di Simone e Andrea, in compagnia di Giacomo e Giovanni. La suocera di Simone era a letto con la febbre e subito gli parlarono di lei. Egli si avvicinò e la fece alzare prendendola per mano; la febbre la lasciò ed ella li serviva.
Venuta la sera, dopo il tramonto del sole, gli portavano tutti i malati e gli indemoniati. Tutta la città era riunita davanti alla porta. Guarì molti che erano affetti da varie malattie e scacciò molti demòni; ma non permetteva ai demòni di parlare, perché lo conoscevano.
Al mattino presto si alzò quando ancora era buio e, uscito, si ritirò in un luogo deserto, e là pregava. Ma Simone e quelli che erano con lui si misero sulle sue tracce. Lo trovarono e gli dissero: «Tutti ti cercano!». Egli disse loro: «Andiamocene altrove, nei villaggi vicini, perché io predichi anche là; per questo infatti sono venuto!».
E andò per tutta la Galilea, predicando nelle loro sinagoghe e scacciando i demòni.

Parola del Signore


 

La liturgia di oggi presenta Gesù impegnato nella sua opera taumaturgica. Entrato in casa di Pietro ne guarisce la suocera, poi si china sui malati che la folla gli presenta. Una ressa di disperati che accorrono a lui cercando sollievo dalle loro infermità. La sua fama si diffonde rapidamente e lo si vorrebbe trattenere nel proprio territorio.

Non ci sarebbe che da rallegrarsi: in fondo egli è venuto per mostrare il volto misericordioso del Padre che si prende cura di ogni persona e questo suo prodigarsi soprattutto per chi è maggiormente nel bisogno ne è la dimostrazione più eloquente, a cui corrisponde l’accalcarsi entusiasta della folla.

Gesù, invece, sente il bisogno di prendere le distanze dal plauso che tende a risucchiarlo trattenendolo nell’euforia del successo. Egli è venuto in adesione al volere del Padre e di questa volontà intende fare il connettivo della sua esistenza. Ed eccolo raccogliersi in preghiera, in ascolto, per poi rialzarsi avendo chiara la direzione da seguire.

Non tutto ciò che è oggettivamente bene coincide necessariamente con ciò che Dio si attende da me. Il lasciarsi assorbire disordinatamente anche nelle imprese più sante, senza mai confrontarsi in un sereno e tranquillo a tu per tu con Dio, rischia di farci consumare le energie senza realizzare la missione che ci è stata affidata e in vista della quale abbiamo ricevuto i doni che ci qualificano.

Mi impegno, quest’oggi, a ritagliarmi uno spazio tranquillo da dedicare a un confronto con il Signore per evitare di correre senza meta e quindi di precludermi la possibilità di raggiungere il traguardo.

Donami, Signore, la luce necessaria per cogliere la tua volontà e ad essa subordinare le mie scelte.

La voce di una santa

In tutte le cose spogliatevi della vostra riputazione e cercate solamente la conformità con la santissima volontà divina.
S.Maria Maddalena de’ Pazzi

 

Casa di preghiera San Biagio

LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

//]]>