Meditiamo il Vangelo di oggi
«Questi è il Figlio mio, l’amato»

Vangelo del giorno meditato
«Chiunque si adira con il proprio fratello dovrà essere sottoposto al giudizio»
26 Febbraio 2021
Vangelo del giorno meditato
«Perdonate e sarete perdonati»
1 Marzo 2021

Meditiamo il Vangelo di oggi
«Questi è il Figlio mio, l’amato»

Mc 9,2-10
+ Dal Vangelo secondo Marco
Sulla Tua Parola

In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli.
Fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elia con Mosè e conversavano con Gesù. Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati. Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!». E improvvisamente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo, con loro.
Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell’uomo fosse risorto dai morti. Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti.

Parola del Signore

 

______________________________________

 

Mi metto nei panni di Pietro, Giacomo e Giovanni e provo a immaginare i loro pensieri, le loro emozioni in quel momento della trasfigurazione. Probabilmente salgono con Gesù sul Tabor, pensando ad una specie di ritiro, una pausa tra il lavorare, parlare e incontrare persone di tutti i giorni. Sul Tabor invece succedono cose strane, non previste. L’esperienza è terribile ma anche attraente: un’esperienza limite, di impensabile osmosi tra cielo e terra. Nel terrore, le uniche parole che Pietro riesce a dire sono: “Come è bello qui, preparo delle tende?”. Una frase che aggiusta la fatica di resistere all’incomprensibile. Come se questo non bastasse, la conclusione di Gesù è ulteriormente oscura e temibile. Gesù impone loro di non raccontare, né bene, né male, quello che hanno visto. Lo potranno fare solo dopo la resurrezione dei morti. E quest’ultima cosa provoca lo spiazzamento totale: il silenzio non è più solo imposto, ma naturale. Certo, perché in certe situazioni si rimane senza parole. Gli ebrei non hanno mai molto pensato alla vita oltre la morte e il concetto di resurrezione che a quel tempo in effetti circolava, probabilmente risultava un po’ estroso, soprattutto ai tre pescatori. Roba da studiosi, da raffinati. Invece Gesù la butta lì e in qualche modo li obbliga a pensarci. Ma cosa vorrà dire? Che c’entra ora parlare di resurrezione? Elia e Mosè che abbiamo visto prima erano risorti? È così che si risorge? Per apparire e poi scomparire di nuovo? I pensieri prendono il posto delle parole. Il silenzio nasconde il dubbio che l’amico Gesù non sia sempre affidabile.

Signore, anche a noi, testimoni della tua resurrezione, ci chiediamo cosa sia la resurrezione. Aiutaci a non perderci in dettagli folkloristici, ma permettici di arrivare al suo significato autentico, quello che dà senso al nostro vivere oggi e dopo la morte.

Casa di preghiera San Biagio

//]]>