Meditiamo il Vangelo di oggi
«Perdonate e sarete perdonati»

Meditiamo il Vangelo
«Beati i poveri. Guai a voi, ricchi»
9 Settembre 2020
Vangelo del giorno meditato
“Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello e non ti accorgi della trave che è nel tuo occhio?”
11 Settembre 2020

Meditiamo il Vangelo di oggi
«Perdonate e sarete perdonati»

Lc 6,27-38
+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«A voi che ascoltate, io dico: amate i vostri nemici, fate del bene a quelli che vi odiano, benedite coloro che vi maledicono, pregate per coloro che vi trattano male. A chi ti percuote sulla guancia, offri anche l’altra; a chi ti strappa il mantello, non rifiutare neanche la tunica. Da’ a chiunque ti chiede, e a chi prende le cose tue, non chiederle indietro.
E come volete che gli uomini facciano a voi, così anche voi fate a loro. Se amate quelli che vi amano, quale gratitudine vi è dovuta? Anche i peccatori amano quelli che li amano. E se fate del bene a coloro che fanno del bene a voi, quale gratitudine vi è dovuta? Anche i peccatori fanno lo stesso. E se prestate a coloro da cui sperate ricevere, quale gratitudine vi è dovuta? Anche i peccatori concedono prestiti ai peccatori per riceverne altrettanto. Amate invece i vostri nemici, fate del bene e prestate senza sperarne nulla, e la vostra ricompensa sarà grande e sarete figli dell’Altissimo, perché egli è benevolo verso gli ingrati e i malvagi.
Siate misericordiosi, come il Padre vostro è misericordioso.
Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e sarete perdonati. Date e vi sarà dato: una misura buona, pigiata, colma e traboccante vi sarà versata nel grembo, perché con la misura con la quale misurate, sarà misurato a voi in cambio».

Parola del Signore

 

______________________________________

Gesù ci invita ad imitare il nostro Padre celeste che usa misericordia verso tutti. Dio ama in modo particolare l’uomo e non lo condanna in modo definitivo, ma con pazienza e bontà attende che si converta. Noi tutti abbiamo fatto esperienza della nostra miseria, della nostra infedeltà e così abbiamo capito che cosa sia la misericordia e l’abbiamo desiderata, perché potessimo iniziare un nuovo cammino.

Anche noi dobbiamo manifestare agli altri quella stessa misericordia che Dio ha mostrato verso di noi. Come Lui dobbiamo dare senza misura, senza calcoli: così Dio ci ama e a noi richiede di usare lo stesso metro verso gli altri. Sforziamoci di non giudicare e soprattutto di non condannare gli altri, perché non conosciamo le loro intenzioni, le loro motivazioni, i loro segreti, che sono noti solo a Dio.

Non respingermi dalla tua presenza e non privarmi del tuo santo spirito. Rendimi la gioia di essere salvato, sostieni in me un animo generoso (Salmo 50 (51)

Dalle parole di Papa Francesco

Un po’ di misericordia rende il mondo meno freddo e più giusto. Abbiamo bisogno di capire bene questa misericordia di Dio, questo Padre misericordioso che ha tanta pazienza. (…) Lui è il Padre amoroso che sempre perdona, che ha quel cuore di misericordia per tutti noi. E anche noi impariamo ad essere misericordiosi con tutti.

(dal primo “Angelus” di Papa Francesco, 17 marzo 2013)

 

Casa di preghiera San Biagio

//]]>