Vangelo del giorno meditato
“Date in elemosina, ed ecco, per voi tutto sarà puro.”

Vangelo del giorno meditato
“Non sarà dato alcun segno a questa generazione, se non il segno di Giona.”
14 Ottobre 2019
Vangelo del giorno meditato
“Guai a voi, farisei; guai a voi dottori della legge.”
16 Ottobre 2019

Vangelo del giorno meditato
“Date in elemosina, ed ecco, per voi tutto sarà puro.”

Lc 11,37-41
+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, mentre Gesù stava parlando, un fariseo lo invitò a pranzo. Egli andò e si mise a tavola. Il fariseo vide e si meravigliò che non avesse fatto le abluzioni prima del pranzo.
Allora il Signore gli disse: «Voi farisei pulite l’esterno del bicchiere e del piatto, ma il vostro interno è pieno di avidità e di cattiveria. Stolti! Colui che ha fatto l’esterno non ha forse fatto anche l’interno? Date piuttosto in elemosina quello che c’è dentro, ed ecco, per voi tutto sarà puro».


 

Gesù è stato invitato a pranzo da un fariseo e si asside a mensa senza le rituali purificazioni, con grande scandalo del suo ospite.

È tipico dei farisei attenersi scrupolosamente alle norme, al fine di garantire la propria superiorità sugli altri e agli occhi di Dio.

Ed è proprio contro questo atteggiamento che Gesù pone il suo gesto provocatorio.

Alla reazione del fariseo risponde mettendo il dito sulla piaga: “Voi siete preoccupati di salvaguardare le apparenze, senza badare a ciò che muove il vostro agire. Ecco nel vostro cuore alberga “rapina e iniquità”. Rapina nei riguardi di Dio a cui solo spetta quella gloria di cui indebitamente vi appropriate, iniquità nei riguardi degli uomini che giudicate spietatamente”.

Un rimprovero pesante rivolto ai farisei di ieri e a quelli… di oggi.

Si, perché la radice del fariseismo non si è ancora inaridita e forse qualche propaggine possiamo trovarla anche in noi.

Ascoltiamo allora il consiglio di Gesù: “Dai in elemosina quello che sta dentro e tutto sarà puro”.

Comincia col rimuovere l’amara radice di un’ostentata giustizia.

Riconosci che solo Dio è santo e a lui solo spetta la lode e la gloria.

Avvolgi di misericordia chi sbaglia e fermati riverente e timoroso alla soglia della coscienza del tuo prossimo, di cui Dio solo è giudice.

E sarai giustificato da colui che scruta i cuori.

Oggi nella mia pausa contemplativa esaminerò il mio comportamento: sono più attento a curare le esteriorità che possono determinare un giudizio positivo o meno nei miei riguardi, che non ciò che alberga nel mio cuore?

Purifica tu stesso, Signore, le profondità del mio cuore, perché tutto in me sia riflesso della tua luce. Amen

La voce di un Padre della Chiesa

Non stanchiamoci mai di lodare un Re e Signore di tanta maestà, il quale ci ha preparato un regno che mai finirà, in cambio di qualche piccola sofferenza avvolta in mille gioie e che domani avrà termine. Sia egli benedetto sempre! Amen, amen!
Santa Teresa d’Avila

(Casa di preghiera San Biagio)

 

//]]>