Vangelo del giorno meditato
“La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai.”

Meditiamo il Vangelo di oggi
«Ciò che esce dall’uomo è quello che rende impuro l’uomo»
13 Febbraio 2019
Vangelo del giorno meditato
“Fa udire i sordi e fa parlare i muti.”
15 Febbraio 2019

Vangelo del giorno meditato
“La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai.”

Lc 10,1-9

La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai.
+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi.
Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada.
In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”. Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra.
Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”».

Parola del Signore


 

Meditiamo…

I tuoi amici, Signore, annunciano il tuo regno

Oltre la missione dei dodici, Luca riferisce nel suo Vangelo anche quella dei settantadue discepoli. Nel racconto degli Atti degli Apostoli poi avrà modo di tramandarci pure le memorie relative alla missione di Pietro, di Paolo, di Stefano, di Filippo e di altri discepoli del Signore. Gesù manda dinanzi a sé i discepoli nelle città e villaggi dove stava per recarsi, dicendo loro: “La messe è molta, gli operai sono pochi, pregate dunque il padrone della messe, perché mandi operai per la sua messe”. La preghiera, che viene ingiunta prima dell’azione, è fondamentale e non va intesa solo come un sostegno alla missione, ma anche e soprattutto come parte integrante della missione. L’unione con Dio è il primo e il più efficace mezzo apostolico. Altrimenti per chi si va e come si va? L’esistenza del missionario è contraddistinta dalla dedizione totale al compito che Cristo gli affida: “Andate, ecco io vi mando come agnelli in mezzo a lupi”, l’immagine è inconfondibile. Come Gesù si è fatto agnello, si è consegnato per amore nelle mani dell’umanità, così ogni discepolo deve essere disposto a farsi agnello, pronto per il sacrificio. Il messaggio poi che Gesù stesso mette sulla bocca dei suoi discepoli: “Dite così, è vicino a voi il regno di Dio”, proclama la sua presenza: “li manda dove stava per recarsi”. Il regno di Dio è accogliere la pace e chi la porta, è prendere cura dei malati, è gioia vissuta nell’incontro con Cristo risorto nell’attesa della beata speranza. In questo annuncio c’è la presenza di Gesù in mezzo ai suoi, con la sua volontà salvifica universale. La Chiesa celebrando oggi la memoria dell’evangelista Luca, ci riporta alla necessità di essere non solo lettori attenti e devoti del Vangelo, ma di esserne anche Apostoli. La radice battesimale consente di conformarci alla storia di Gesù, divenendone testimoni. Ci rende capaci di essere e di sentire come lui, nella Chiesa e nel mondo.

 

Monaci Benedettini Silvestrini

//]]>