Vangelo del giorno meditato
“No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo.”

Vangelo del giorno meditato
«Costui è l’erede. Su, uccidiamolo!»
22 Marzo 2019
Vangelo del giorno meditato
“Ecco concepirai un figlio e lo darai alla luce.”
25 Marzo 2019

Vangelo del giorno meditato
“No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo.”

Lc 13,1-9

Se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo.
+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, si presentarono alcuni a riferire a Gesù il fatto di quei Galilei, il cui sangue Pilato aveva fatto scorrere insieme a quello dei loro sacrifici. Prendendo la parola, Gesù disse loro: «Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei, per aver subìto tale sorte? No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo. O quelle diciotto persone, sulle quali crollò la torre di Sìloe e le uccise, credete che fossero più colpevoli di tutti gli abitanti di Gerusalemme? No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo».
Diceva anche questa parabola: «Un tale aveva piantato un albero di fichi nella sua vigna e venne a cercarvi frutti, ma non ne trovò. Allora disse al vignaiolo: “Ecco, sono tre anni che vengo a cercare frutti su quest’albero, ma non ne trovo. Tàglialo dunque! Perché deve sfruttare il terreno?”. Ma quello gli rispose: “Padrone, lascialo ancora quest’anno, finché gli avrò zappato attorno e avrò messo il concime. Vedremo se porterà frutti per l’avvenire; se no, lo taglierai”».

Parola del Signore

 


 

Meditiamo…

 

Lc 13, 4
Come vivere questa Parola?

L’interlocutore di Gesù è sempre la folla. Dai segni del tempo atmosferico, Gesù passa alla cronaca: gli raccontano di un eccidio, tanto crudele quanto inutile, compiuto da Pilato nei confronti di alcuni galilei, uccisi assieme agli animali del sacrificio che stavano per fare. Gesù ribalta la notizia alla folla con la domanda se questi non fossero stati più peccatori di altri per meritarsi tale morte. Fa riscorso anche ad un’altra notizia di cronaca recente e obbliga la folla ancora a pensare chi sia più peccatore.

Come un ritornello la sua asserzione obbliga ad un pensiero che rovescia l’idea di peccato, di peccatore e di punizione: “No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo.” Non è la fine o l’ipotetica punizione che dice il grado di peccato delle persone. Il problema non sta nel misurare la quantità di peccato o la gravità degli accidenti capitati, perché non c’è commensurabilità e dunque non c’è proporzione tra queste realtà. La questione è svegliare il pentimento che fa crescere il desiderio di allontanarsi dalla propria malvagità, grande o piccola che sia. Si tratta di arrivare al pentimento, al desiderio di conversione e alle azioni che rendono evidente questa conversione.

Signore, fa’ che non ci prediamo gioco di te. L’amore tuo ci aiuti a riconoscere il nostro peccato e a prenderne le distanze, senza ipocrisia, senza presunzioni.

 

Casa di Preghiera San Biagio FMA

La voce di Papa Francesco

La Parola di Dio è capace di cambiare tutto, ma non sempre abbiamo il coraggio di credere nella Parola di Dio, di ricevere quella Parola che ci guarisce dentro. Bisogna ricordare la Parola di Dio, custodirla, vigilare e obbedire alla Parola di Dio, per incominciare una vita nuova, convertita.

Omelia 18/11/2014

 

//]]>