Vangelo del giorno meditato
“Chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato.”

Vangelo del giorno meditato
“Chi crede nel Figlio ha la vita eterna; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno.”
2 Novembre 2018
Messalino per la liturgia da scaricare
3 Novembre 2018

Vangelo del giorno meditato
“Chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato.”

Contribuisci anche tu a diffondere la Parola di Dio, inviaci la tua meditazione al Vangelo del giorno da pubblicare qui, grazie in anticipo per il tuo prezioso contributo!

Invia il tuo commento

Lc 14,1.7-11
+ Dal Vangelo secondo Luca

Un sabato Gesù si recò a casa di uno dei capi dei farisei per pranzare ed essi stavano a osservarlo.
Diceva agli invitati una parabola, notando come sceglievano i primi posti: «Quando sei invitato a nozze da qualcuno, non metterti al primo posto, perché non ci sia un altro invitato più degno di te, e colui che ha invitato te e lui venga a dirti: “Cédigli il posto!”. Allora dovrai con vergogna occupare l’ultimo posto. Invece, quando sei invitato, va’ a metterti all’ultimo posto, perché quando viene colui che ti ha invitato ti dica: “Amico, vieni più avanti!”. Allora ne avrai onore davanti a tutti i commensali. Perché chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato».

Parola del Signore

 


 

…Meditiamo…

 

Come vivere questa Parola?

Gesù nel Vangelo odierno ci viene presentato come un osservatore acuto e quasi divertito, che sta a contemplare la scena dei convitati in competizione fra di loro per riuscire ad accaparrarsi i primi posti e coglie così l’occasione propizia per creare una parabola assai deliziosa, che mette al centro l’umiltà, non semplicemente come una regola di galateo, ma come una legge fondamentale del Regno.

Il Maestro fa il punto su di un aspetto della santità cristiana che non ci aspetteremmo e che possiamo formulare stringatamente così: per salire nella santità bisogna discendere!

Gesù ci dice che la strada ascendente che porta alla perfezione in realtà si percorre in discesa andando all’ultimo posto. E ciò è allo stesso tempo rassicurante ed esigente. Rassicurante, perché non ci viene richiesto di fare delle salite faticose, come gli scalatori dei quattromila. Ci è solo richiesto di andare ?umilmente’ più in basso che possiamo. Tutti sono capaci di andare all’ultimo posto! Ma è anche molto esigente, perché ciò cozza frontalmente conto il nostro amor proprio ed egoismo, che non ci permette di andare al di sotto del rango che pretendiamo di avere.
“Santa Maria del Magnificat, tu che sei stata, con umiltà e magnanimità, la serva del Signore, donaci la tua stessa disponibilità per il servizio di Dio e per la salvezza del mondo. Apri i nostri cuori alle immense prospettive del regno di Dio e dell’annuncio del Vangelo ad ogni creatura».Don Tonino Bello

La voce di S. Agostino

“Se pensi di costruire l’edificio alto della santità, prepara prima il fondamento dell’umiltà. Quanto più grande è la mole dell’edificio che uno desidera e progetta d’innalzare, quanto più sarà alto l’edificio, tanto più profonde scaverà le fondamenta. Mentre l’edificio viene costruito, s’innalza bensì verso il cielo, ma colui che scava le fondamenta scende nella parte più bassa, Dunque anche una costruzione prima di innalzarsi si abbassa e il coronamento non è posto se non dopo l’abbassamento”.

Agostino, Discorso 69, 1-2

 

Casa di Preghiera San Biagio FMA

 

//]]>