Vangelo del giorno meditato
“Vi sarà gioia nel cielo per un solo peccatore che si converte.”

Vangelo del giorno meditato
«Chi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo»
7 Novembre 2018
Vangelo del giorno meditato
“Parlava del tempio del suo corpo”
9 Novembre 2018

Vangelo del giorno meditato
“Vi sarà gioia nel cielo per un solo peccatore che si converte.”

Vi sarà gioia nel cielo per un solo peccatore che si converte.

+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, si avvicinavano a Gesù tutti i pubblicani e i peccatori per ascoltarlo. I farisei e gli scribi mormoravano dicendo: «Costui accoglie i peccatori e mangia con loro».
Ed egli disse loro questa parabola: «Chi di voi, se ha cento pecore e ne perde una, non lascia le novantanove nel deserto e va in cerca di quella perduta, finché non la trova? Quando l’ha trovata, pieno di gioia se la carica sulle spalle, va a casa, chiama gli amici e i vicini e dice loro: “Rallegratevi con me, perché ho trovato la mia pecora, quella che si era perduta”. Io vi dico: così vi sarà gioia nel cielo per un solo peccatore che si converte, più che per novantanove giusti i quali non hanno bisogno di conversione.
Oppure, quale donna, se ha dieci monete e ne perde una, non accende la lampada e spazza la casa e cerca accuratamente finché non la trova? E dopo averla trovata, chiama le amiche e le vicine, e dice: “Rallegratevi con me, perché ho trovato la moneta che avevo perduto”. Così, io vi dico, vi è gioia davanti agli angeli di Dio per un solo peccatore che si converte».

Parola del Signore

 

 


 

…Meditiamo…

 

Come vivere questa Parola?

 

Di fronte alle critiche dei farisei e degli scribi sul fatto che il Maestro stava a mensa con i peccatori, Gesù racconta le parabole della misericordia. “Brevi tratteggi, plasticamente efficaci, dicono l’attenzione amorosa e la preoccupazione sincera di Dio che va in cerca dell’uomo che si è perduto”.

Sono istantanee di un Dio che non si accontenta di aspettare un ritorno, a volte, difficile e arduo, ma di un Pastore/Padre che si muove, facilita l’incontro, spiana la strada a chi si è reso lontano. E gioisce per averlo ritrovato. Questo è il senso e il messaggio di speranza con il quale il Giubileo della Misericordia vuole raggiungere tutti noi, spesso sperduti e soli.

La voce di uno scrittore contemporaneo

“La conversione di un uomo è il compimento di una speranza di Dio.”

 

Casa di Preghiera San Biagio FMA

//]]>