Papa Francesco:“Il Natale, sarà veramente una festa se accoglieremo Gesù.“

Vangelo del giorno meditato
“Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente.”
22 Dicembre 2016
Vangelo del giorno meditato
“Nascita di Giovanni Battista.”
23 Dicembre 2016

Papa Francesco:“Il Natale, sarà veramente una festa se accoglieremo Gesù.“

Il Natale, “sarà veramente una festa se accoglieremo Gesù, seme di speranza che Dio depone nei solchi della nostra storia personale e comunitaria“, ha spiegato Papa Francesco durante la Udienza Generale di mercoledì 21 dicembre 2016: “Ogni “sì” a Gesù che viene è un germoglio di speranza. Abbiamo fiducia in questo germoglio di speranza, in questo sì: “Sì, Gesù, tu puoi salvarmi, tu puoi salvarmi”. Buon Natale di speranza a tutti!“

Nelle catechesi del mercoledì, ha infatti spiegato Papa Francesco introducendo la propria catechesi, stiamo riflettendo sul tema della speranza. Oggi, a pochi giorni dopo Natale, contempliamo l’incarnazione del Figlio di Dio, che segna il momento preciso in cui la speranza è venuta nel mondo. Dio si è spogliato della sua divinità e si è fatto vicino al suo popolo, manifestando la sua fedeltà e offrendo la vita eterna all’umanità.

La nascita di Gesù ci porta una speranza certa, una speranza visibile ed evidente, che ha il suo fondamento in Dio stesso. Gesù venedo al mondo, ci dà la forza per camminare con lui verso la pienezza della vita e per vivere il presente in un modo nuovo.

Il presepe, che realizziamo nelle nostre case, ci parla di questo grande mistero di speranza. Dio sceglie di nascere a Betlemme, una piccola città. Lì, nella povertà di una grotta, Maria, Madre della speranza, dà alla luce il Redentore. Accanto a lei vi è Giuseppe, l’uomo giusto che confida nella parola del Signore; e i pastori, che rappresentano i poveri e semplici, che aspettano il compimento delle promesse di Dio, e anche gli angeli che cantano la gloria di Dio e la salvezza che si realizza per mezzo di questo bambino. Dio sempre sceglie la piccolezza, quello che non conta, per mostrare a noi la grandezza della sua umiltà.

In tal senso l’invito finale che Papa Francesco ha rivolto ai fedeli presenti: “per nascere alla speranza che Dio ci dona, con Maria, Giuseppe e i pastori, apriamo i nostri cuori a Gesù e accogliamo in Lui tutto l’amore di Dio per ciascuno di noi. Buon Natale a tutti. Che Dio vi benedica!“

//]]>