Vangelo del giorno meditato
«Abramo, vostro padre, esultò nella speranza di vedere il mio giorno.»

Vangelo del giorno meditato
«Se il Figlio vi farà liberi, sarete liberi davvero»
1 Aprile 2020
Vangelo del giorno meditato
«Cercavano di catturarlo, ma egli sfuggì dalle loro mani.»
3 Aprile 2020

Vangelo del giorno meditato
«Abramo, vostro padre, esultò nella speranza di vedere il mio giorno.»

Gv 8,51-59
+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù disse ai Giudei: «In verità, in verità io vi dico: “Se uno osserva la mia parola, non vedrà la morte in eterno”». Gli dissero allora i Giudei: «Ora sappiamo che sei indemoniato. Abramo è morto, come anche i profeti, e tu dici: “Se uno osserva la mia parola, non sperimenterà la morte in eterno”. Sei tu più grande del nostro padre Abramo, che è morto? Anche i profeti sono morti. Chi credi di essere?».
Rispose Gesù: «Se io glorificassi me stesso, la mia gloria sarebbe nulla. Chi mi glorifica è il Padre mio, del quale voi dite: “È nostro Dio!”, e non lo conoscete. Io invece lo conosco. Se dicessi che non lo conosco, sarei come voi: un mentitore. Ma io lo conosco e osservo la sua parola. Abramo, vostro padre, esultò nella speranza di vedere il mio giorno; lo vide e fu pieno di gioia».
Allora i Giudei gli dissero: «Non hai ancora cinquant’anni e hai visto Abramo?». Rispose loro Gesù: «In verità, in verità io vi dico: prima che Abramo fosse, Io Sono».
Allora raccolsero delle pietre per gettarle contro di lui; ma Gesù si nascose e uscì dal tempio.

Parola del Signore

 


 

…Meditiamo…

Come vivere questa Parola?

 

Ormai il potenziale dialogo tra farisei e Gesù si è trasformato in controversia; non c’è più disponibilità a comunicare. Rimane solo un conflitto strategico, volto a difendere le proprie posizioni.

I farisei, i giudei presenti si sono irritati perché gli sembra sia stata sminuita la loro discendenza da Abramo. Provocatoriamente ribadiscono a Gesù che egli pretende di essere addirittura più di Abramo, il padre nella fede. Cosa effettivamente determina l’epilogo di ogni disponibilità a comunicare è l’accenno alla resurrezione. Un’espressione velata (“se uno osserva la mia parola, non vedrà la morte in eterno”) introduce questo tema e se la domanda “Tu chi sei?” che la liturgia ci riportava ieri, sembrava aprire uno spiraglio, oggi quel “Chi credi di essere?” non lascia più dubbi. Gesù non è più credibile, addirittura si trastulla con temi che sono assolutamente da rifiutare: la resurrezione. Questa possibilità non è considerata dai farisei. Non è lecito pensare ad una vita che sa andare oltre la morte. A questo punto ogni parola di Gesù è sentita come frutto della sua presunzione. Ed egli non merita di vivere, è un pericolo. Nella mente di questi, si formula chiara l’idea di eliminarlo.
Signore, noi inorridiamo di fronte a queste ottusità e durezza dei farisei. Ma non siamo troppo diversi. Quando l’irragionevolezza delle cose arriva a disturbarci, con un “chi ti credi di essere?” ci sbarazziamo dalla scomoda sollecitazione a pensare e a saper dare ragione della nostra speranza. Perdonaci Signore!

La voce della liturgia

Cristo è mediatore della nuova alleanza

perché, mediante la sua morte,

coloro che sono stati chiamati

ricevano l’eredità eterna

che è stata loro promessa.

Eb 9,15

 

( Casa di preghiera San Biagio )

 


//]]>