Vangelo del giorno
“Chiamò a sé quelli che voleva perché stessero con lui.”

Vangelo del giorno meditato
“Gli spiriti impuri gridavano: «Tu sei il Figlio di Dio!». Ma egli imponeva loro severamente di non svelare chi egli fosse.”
23 Gennaio 2020
Vangelo del giorno meditato
“Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo.”
25 Gennaio 2020

Vangelo del giorno
“Chiamò a sé quelli che voleva perché stessero con lui.”

Mc 3,13-19
+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù salì sul monte, chiamò a sé quelli che voleva ed essi andarono da lui. Ne costituì Dodici – che chiamò apostoli –, perché stessero con lui e per mandarli a predicare con il potere di scacciare i demòni.
Costituì dunque i Dodici: Simone, al quale impose il nome di Pietro, poi Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni fratello di Giacomo, ai quali diede il nome di Boanèrghes, cioè “figli del tuono”; e Andrea, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso, Giacomo, figlio di Alfeo, Taddeo, Simone il Cananeo e Giuda Iscariota, il quale poi lo tradì.

 

Parola del Signore


 

…Meditiamo…

 

Come vivere questa Parola?

 

Ai suoi più vicini collaboratori, meglio, ai suoi corresponsabili, il Maestro chiede due cose essenziali: stare con lui e andare a predicare la buona notizia del Regno.

Stare con lui significa unione e intimità con Gesù, pregare in profondità, vincere la solitudine umana, colmare il bisogno esistenziale di relazione e compagnia. Da qui scaturisce il secondo atteggiamento della sequela: la missione. Da qui nasce appunto la forza per predicare e avere il potere di “scacciare i demoni”. Infatti “chi è unito a lui impara a conoscere il cuore del Padre e si offre con gioia ad andare presso chi ancora non lo conosce, perché la sua casa sia piena e non lo è fino a che manca anche un solo fratello”.

A lui, il Maestro, oggi chiediamo di farci permanere nella sua dimora e nell’ascolto della sua Parola per poterla donare anche agli altri.

La voce di una convertita

“Il cristiano è un prigioniero. Prigioniero di una vita: la vita di Cristo. Non è il propagandista di un’idea, ma il membro di un corpo che vive e che vuol crescere.”

M. Delbrel

Sr Graziella Curti, FMA

//]]>