Vangelo del giorno meditato
«Dai loro frutti li riconoscerete.»

Meditiamo il Vangelo di oggi
«Tutti mangiarono a sazietà»
23 Giugno 2019
Vangelo del giorno meditato
“Rallegratevi con me, perché ho trovato la mia pecora, quella che si era perduta”
28 Giugno 2019

Vangelo del giorno meditato
«Dai loro frutti li riconoscerete.»

 

Mt 7,15-20

+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Guardatevi dai falsi profeti, che vengono a voi in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci! Dai loro frutti li riconoscerete.
Si raccoglie forse uva dagli spini, o fichi dai rovi? Così ogni albero buono produce frutti buoni e ogni albero cattivo produce frutti cattivi; un albero buono non può produrre frutti cattivi, né un albero cattivo produrre frutti buoni. Ogni albero che non dà buon frutto viene tagliato e gettato nel fuoco. Dai loro frutti dunque li riconoscerete».

Parola del Signore

 

Meditiamo…

 

Gesù invita i suoi discepoli ad essere attenti ed osservare la vita di coloro che parlano: dal loro agire si manifesta la realtà in cui credono. Se vivono nella contraddizione tra ciò che dicono e ciò che vivono, non sono veri profeti del Signore: le loro opere infatti non derivano dalla Parola di Dio, ma dal loro egoismo e dalle loro passioni.

La gratuità è un grande dono che ogni persona umana può elargire ad un’altra, sull’esempio appunto di Cristo che è nato e morto da povero, donando tutto se stesso per la salvezza dell’umanità.

Se l’albero è buono, anche i frutti saranno buoni e piacevoli, se è cattivo anche i frutti saranno cattivi disgustosi. Se agisco con doppiezza, sarò ben presto smascherato dalle persone più avvedute e accorte. La sincerità del cuore si esprime anche – anzi direi soprattutto – nella sincerità delle nostre azioni, portando frutti di bene e di armonia.

Donami Signore la volontà di essere sempre sincero nelle mie parole e nella mie azioni, perché possa essere tuo vero imitatore e discepolo

La voce di un Dottore della Chiesa

La fede, anche retta, non basta per fare un santo, un uomo retto, se non opera nell’amore.

San Bernardo

 

//]]>