Vangelo del giorno meditato
«Il Signore nostro Dio è l’unico Signore: lo amerai»

Vangelo del giorno meditato
«Chi non è con me è contro di me.»
28 Marzo 2019
Vangelo del giorno meditato
“Il pubblicano tornò a casa giustificato, a differenza del fariseo.”
30 Marzo 2019

Vangelo del giorno meditato
«Il Signore nostro Dio è l’unico Signore: lo amerai»

Mc 12,28-34
+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, si avvicinò a Gesù uno degli scribi e gli domandò: «Qual è il primo di tutti i comandamenti?».
Gesù rispose: «Il primo è: “Ascolta, Israele! Il Signore nostro Dio è l’unico Signore; amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza”. Il secondo è questo: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Non c’è altro comandamento più grande di questi».
Lo scriba gli disse: «Hai detto bene, Maestro, e secondo verità, che Egli è unico e non vi è altri all’infuori di lui; amarlo con tutto il cuore, con tutta l’intelligenza e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso vale più di tutti gli olocàusti e i sacrifici».
Vedendo che egli aveva risposto saggiamente, Gesù gli disse: «Non sei lontano dal regno di Dio». E nessuno aveva più il coraggio di interrogarlo.

Parola del Signore


 

…Meditiamo…

Come vivere questa Parola?

 

 

Gesù ha appena chiuso la bocca a scribi e farisei. Ma quando mai i suoi oppositori lo lasciano in pace? Ora l’interrogativo con cui lo assediano verte su una domanda davvero importante: Qual è il primo Comandamento di Dio? La risposta di Gesù è ineccepibile: riguarda l’assoluto primato di Dio nel cuore e nella vita dell’uomo. Interessante che Gesù, senza esserne richiesto, aggiunge quale sia l’altro comandamento che, per importanza, segue quello dell’amore di Dio.

Si tratta – lo sappiamo – dell’amore del prossimo che deve essere equiparato all’amore che ciascuno deve avere per se stesso!

Ciò che va sottolineato è il fatto che, nell’Antico Testamento, erano ricordati entrambi, ma del tutto separati: l’uno in Dt 6,5 e l’altro Lev 19,18

Che Gesù li unisca quasi a farne un’unica entità d’amore voluta da Dio, è importantissimo. Qui è la radice del Cristianesimo autentico: del mio, del tuo, del nostro andare al Signore.

E ne hai anche, in regime di Nuova Alleanza, la motivazione di fondo “Non ami Dio che non vedi, se non ami il fratello che vedi”. Ricordiamoci anche dell’antico Logion “Vedi il fratello? vedi il Signore”.
Signore Gesù, aiutami ad amarTi chiedendoti di essere l’assoluto Signore del mio cuore. Fa’ che ti riconosca e ti ami anche nel fratello, nella sorella, in chi è degno del mio amore e anche in chi vorrei escludere dal mio cuore.

La voce di Papa Francesco

L’amore per Dio e per il prossimo altro non sono che le due facce della stessa medaglia, due volti che coincidono in uno, quello di Cristo. “Non si può amare Dio senza amare il prossimo e non si può amare il prossimo senza amare Dio (…) In effetti, il segno visibile che il cristiano può mostrare per testimoniare al mondo l’amore di Dio è proprio l’amore dei fratelli”.

 

(Casa di preghiera San Biagio)

 


//]]>