Vangelo del giorno meditato
«Io sono venuto nel mondo come luce.»

Che cos’è la vocazione?
9 Maggio 2017
Oggi ricordiamo: Beato Niccolò (Nicolò) Albergati Vescovo
10 Maggio 2017

Vangelo del giorno meditato
«Io sono venuto nel mondo come luce.»

 

Gv 12,44-50
+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù esclamò:
«Chi crede in me, non crede in me ma in colui che mi ha mandato; chi vede me, vede colui che mi ha mandato. Io sono venuto nel mondo come luce, perché chiunque crede in me non rimanga nelle tenebre.
Se qualcuno ascolta le mie parole e non le osserva, io non lo condanno; perché non sono venuto per condannare il mondo, ma per salvare il mondo.
Chi mi rifiuta e non accoglie le mie parole, ha chi lo condanna: la parola che ho detto lo condannerà nell’ultimo giorno. Perché io non ho parlato da me stesso, ma il Padre, che mi ha mandato, mi ha ordinato lui di che cosa parlare e che cosa devo dire. E io so che il suo comandamento è vita eterna. Le cose dunque che io dico, le dico così come il Padre le ha dette a me».

Parola del Signore

 

 


 

…Meditiamo…

 

Come vivere questa Parola?

 

Nel vangelo secondo Giovanni questo brano (Gv 12,44-50) chiude tutta la prima parte e quindi introduce nella seconda, quella dell’ora di Gesù, della sua Pasqua. Per questo è significativa la ripresa della tematica della luce che incontriamo all’inizio del Vangelo, solitamente proclamato nel periodo natalizio: «In lui era la vita e la vita era la luce degli uomini; la luce splende nelle tenebre e le tenebre non l’hanno vinta… Veniva nel mondo la luce vera, quella che illumina ogni uomo…» (Gv 1,4-5.9).

Lo scopo della venuta del Cristo nel mondo è chiara, fin dall’inizio: illuminare! Ogni uomo! La luce allontana il buio, dissipa le tenebre. La luce è la vita! Può succedere che qualcuno preferisca restare nel buio? Che non voglia vedere la luce? Che non voglia riconoscere chi gli offre la salvezza dalle tenebre, la vita eterna? Che ascolta le parole del Salvatore, ma non le osserva?

Gesù non condanna, illumina! Chi accoglie la sua luce, compie il primo atto di fede. Mentre le tenebre iniziano a diradarsi, noi, illuminati, possiamo essere “luce” per gli altri attorno a noi.

Dal canto “Sale e luce” di Giosy Cento:

Luce della terra sei Gesù, infinito amore, verità,
noi saremo luce, ma solo insieme a te, luce di risorti vivi in te. […]
Pasqua luminosa sei Gesù, non c’è più la notte intorno a noi.
Tu sei sole e sale, la gloria tua Signore splende e accende in noi la santità.

(Casa di preghiera San Biagio)

//]]>