Vangelo del giorno meditato
“Nascita di Giovanni Battista.”

Papa Francesco:“Il Natale, sarà veramente una festa se accoglieremo Gesù.“
22 Dicembre 2016
San Giovanni da Kety (Canzio)
23 Dicembre 2016

Vangelo del giorno meditato
“Nascita di Giovanni Battista.”

Lc 1,57-66
+ Dal Vangelo secondo Luca

In quei giorni, per Elisabetta si compì il tempo del parto e diede alla luce un figlio. I vicini e i parenti udirono che il Signore aveva manifestato in lei la sua grande misericordia, e si rallegravano con lei.
Otto giorni dopo vennero per circoncidere il bambino e volevano chiamarlo con il nome di suo padre, Zaccarìa. Ma sua madre intervenne: «No, si chiamerà Giovanni». Le dissero: «Non c’è nessuno della tua parentela che si chiami con questo nome».
Allora domandavano con cenni a suo padre come voleva che si chiamasse. Egli chiese una tavoletta e scrisse: «Giovanni è il suo nome». Tutti furono meravigliati. All’istante gli si aprì la bocca e gli si sciolse la lingua, e parlava benedicendo Dio.
Tutti i loro vicini furono presi da timore, e per tutta la regione montuosa della Giudea si discorreva di tutte queste cose. Tutti coloro che le udivano, le custodivano in cuor loro, dicendo: «Che sarà mai questo bambino?». E davvero la mano del Signore era con lui.

Parola del Signore

 


 

…Meditiamo…

 

Come vivere questa Parola?

“Si chiamerà Giovanni”, cioè “JHWH fa grazia/misericordia”. Elisabetta entrata nel grande piano della Provvidenza di Dio riconosce la sua esperienza come fonte di misericordia e grazia. Questo figlio della promessa fatta a Zaccaria, cambia la vita di questa coppia già avanti negli anni e la trasforma in discepoli della misericordia e della grazia, tanto che, interrogati sul nome del figlio, Elisabetta prima e Zaccaria rispondono come l’angelo (Lc 1,13) aveva suggerito: “JHWH fa grazia/misericordia”. Diventano testimoni della Bontà di Dio! E questo genera in tutti una grande meraviglia! Ma Dio nel Suo Amore è l’Eterna novità e stupore!

“Ecco, io manderò un mio messaggero a preparare la via davanti a me”! (1^ Lettura Ml 3,1) e il suo nome è “JHWH fa grazia/misericordia”. La Grazia e la Misericordia di Dio precedono sempre, anche noi! Il Signore ci doni occhi di fede per riconoscere la sua presenza nelle pieghe della Vita e ci conduca in questo Natale di Misericordia all’incontro vero con il Dio Bambino!

Lasciamoci stupire di da Dio – ci suggerisce il Papa!

 

 

 

 

//]]>