Vangelo del giorno meditato
«Se il Figlio vi farà liberi, sarete liberi davvero»

Vangelo del giorno meditato
«Chi di voi è senza peccato, getti per primo la pietra contro di lei.»
30 Marzo 2020
Vangelo del giorno meditato
«Abramo, vostro padre, esultò nella speranza di vedere il mio giorno.»
2 Aprile 2020

Vangelo del giorno meditato
«Se il Figlio vi farà liberi, sarete liberi davvero»

Gv 8,31-42
+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù disse a quei Giudei che gli avevano creduto: «Se rimanete nella mia parola, siete davvero miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi». Gli risposero: «Noi siamo discendenti di Abramo e non siamo mai stati schiavi di nessuno. Come puoi dire: “Diventerete liberi”?».
Gesù rispose loro: «In verità, in verità io vi dico: chiunque commette il peccato è schiavo del peccato. Ora, lo schiavo non resta per sempre nella casa; il figlio vi resta per sempre. Se dunque il Figlio vi farà liberi, sarete liberi davvero. So che siete discendenti di Abramo. Ma intanto cercate di uccidermi perché la mia parola non trova accoglienza in voi. Io dico quello che ho visto presso il Padre; anche voi dunque fate quello che avete ascoltato dal padre vostro».
Gli risposero: «Il padre nostro è Abramo». Disse loro Gesù: «Se foste figli di Abramo, fareste le opere di Abramo. Ora invece voi cercate di uccidere me, un uomo che vi ha detto la verità udita da Dio. Questo, Abramo non l’ha fatto. Voi fate le opere del padre vostro».
Gli risposero allora: «Noi non siamo nati da prostituzione; abbiamo un solo padre: Dio!». Disse loro Gesù: «Se Dio fosse vostro padre, mi amereste, perché da Dio sono uscito e vengo; non sono venuto da me stesso, ma lui mi ha mandato».

Parola del Signore

 


 

…Meditiamo…

Come vivere questa Parola?

 

 

Il cuore dell’uomo, quando è integro, aspira con forza alla verità. Ed è molto illuminante che, proprio a quanti vivono la fede nella sua persona, Gesù sveli il rapporto stretto che c’è tra obbedienza alla sua Parola e verità. E poiché la sua Parola è rivelatrice di tutto l’Amore del Padre per noi, ascoltarla e viverla significa diventare liberi. Tutti quei lacci d’egoismi, tutte quelle pastoie d’inautenticità che tendono a schiavizzarci, a renderci prigionieri nell’attaccamento a ciò che passa e non è volontà del Signore, vengono spezzate. Giorno dietro giorno noi diventiamo donne e uomini liberi. Gesù qui smaschera quelli che pongono resistenza a Dio, opponendosi a Lui, fino a volerlo togliere di mezzo. “Se siete figli di Abramo, fate le opere di Abramo”. È quanto anche noi siamo chiamati a realizzare nelle nostre giornate, spinti e aiutati dall’ascolto della Parola. Non basta una certa religiosità, un vago ricordarsi di Dio quando si è nella necessità. Non basta il perbenismo. E non ci salva un mediocre cristianesimo. Solo se l’ascolto perseverante della Parola fa sì che essa metta radice nel nostro modo di essere e plasmi il pensare el’agire, la verità risplende in noi e ci rende liberi.

Oggi, nella mia pausa contemplativa, memorizzo ripetendola interiormente questa stupenda parola-promessa del Signore: «Se rimanete fedeli alla mia parola, sarete davvero miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi». E in cuore sempre più mi determino a un ascolto che provochi in me la vita vera e libera del figlio di Dio.
Gesù, mia Verità di amore, rendimi libero dalla menzogna del peccato: l’orgoglio che m’impregna, la pigrizia che mi paralizza, l’invidia, la gelosia, il sospetto, l’indifferenza per l’altro. Rendimi libero nel tuo Spirito che fruttifica in me amore, gioia, pace, pazienza, mitezza e ogni bontà.

 

La voce di un Padre della Chiesa
Il Signore vi conceda di osservare tutte queste cose con amore, innamorati della bellezza spirituale e fragranti del buon profumo di Cristo per la familiarità con Lui. Non come schiavi sotto la legge ma come uomini liberi sotto l’influsso della grazia.
S. Agostino

( Casa di preghiera San Biagio )

//]]>