Vangelo del giorno meditato
«Sorgente di acqua che zampilla per la vita eterna»

Meditiamo il Vangelo di oggi
«Questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita.»
14 Marzo 2020
Meditiamo il Vangelo
«Gesù come Elia ed Eliseo è mandato non per i soli Giudei»
16 Marzo 2020

Vangelo del giorno meditato
«Sorgente di acqua che zampilla per la vita eterna»

Gv 4,5-42
+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù giunse a una città della Samarìa chiamata Sicar, vicina al terreno che Giacobbe aveva dato a Giuseppe suo figlio: qui c’era un pozzo di Giacobbe. Gesù dunque, affaticato per il viaggio, sedeva presso il pozzo. Era circa mezzogiorno. Giunge una donna samaritana ad attingere acqua. Le dice Gesù: «Dammi da bere». I suoi discepoli erano andati in città a fare provvista di cibi. Allora la donna samaritana gli dice: «Come mai tu, che sei giudeo, chiedi da bere a me, che sono una donna samaritana?». I Giudei infatti non hanno rapporti con i Samaritani.
Gesù le risponde: «Se tu conoscessi il dono di Dio e chi è colui che ti dice: “Dammi da bere!”, tu avresti chiesto a lui ed egli ti avrebbe dato acqua viva». Gli dice la donna: «Signore, non hai un secchio e il pozzo è profondo; da dove prendi dunque quest’acqua viva? Sei tu forse più grande del nostro padre Giacobbe, che ci diede il pozzo e ne bevve lui con i suoi figli e il suo bestiame?».
Gesù le risponde: «Chiunque beve di quest’acqua avrà di nuovo sete; ma chi berrà dell’acqua che io gli darò, non avrà più sete in eterno. Anzi, l’acqua che io gli darò diventerà in lui una sorgente d’acqua che zampilla per la vita eterna». «Signore – gli dice la donna –, dammi quest’acqua, perché io non abbia più sete e non continui a venire qui ad attingere acqua». Le dice: «Va’ a chiamare tuo marito e ritorna qui». Gli risponde la donna: «Io non ho marito». Le dice Gesù: «Hai detto bene: “Io non ho marito”. Infatti hai avuto cinque mariti e quello che hai ora non è tuo marito; in questo hai detto il vero».
Gli replica la donna: «Signore, vedo che tu sei un profeta! I nostri padri hanno adorato su questo monte; voi invece dite che è a Gerusalemme il luogo in cui bisogna adorare». Gesù le dice: «Credimi, donna, viene l’ora in cui né su questo monte né a Gerusalemme adorerete il Padre. Voi adorate ciò che non conoscete, noi adoriamo ciò che conosciamo, perché la salvezza viene dai Giudei. Ma viene l’ora – ed è questa – in cui i veri adoratori adoreranno il Padre in spirito e verità: così infatti il Padre vuole che siano quelli che lo adorano. Dio è spirito, e quelli che lo adorano devono adorare in spirito e verità». Gli rispose la donna: «So che deve venire il Messia, chiamato Cristo: quando egli verrà, ci annuncerà ogni cosa». Le dice Gesù: «Sono io, che parlo con te».
In quel momento giunsero i suoi discepoli e si meravigliavano che parlasse con una donna. Nessuno tuttavia disse: «Che cosa cerchi?», o: «Di che cosa parli con lei?». La donna intanto lasciò la sua anfora, andò in città e disse alla gente: «Venite a vedere un uomo che mi ha detto tutto quello che ho fatto. Che sia lui il Cristo?». Uscirono dalla città e andavano da lui.
Intanto i discepoli lo pregavano: «Rabbì, mangia». Ma egli rispose loro: «Io ho da mangiare un cibo che voi non conoscete». E i discepoli si domandavano l’un l’altro: «Qualcuno gli ha forse portato da mangiare?». Gesù disse loro: «Il mio cibo è fare la volontà di colui che mi ha mandato e compiere la sua opera. Voi non dite forse: ancora quattro mesi e poi viene la mietitura? Ecco, io vi dico: alzate i vostri occhi e guardate i campi che già biondeggiano per la mietitura. Chi miete riceve il salario e raccoglie frutto per la vita eterna, perché chi semina gioisca insieme a chi miete. In questo infatti si dimostra vero il proverbio: uno semina e l’altro miete. Io vi ho mandati a mietere ciò per cui non avete faticato; altri hanno faticato e voi siete subentrati nella loro fatica».
Molti Samaritani di quella città credettero in lui per la parola della donna, che testimoniava: «Mi ha detto tutto quello che ho fatto». E quando i Samaritani giunsero da lui, lo pregavano di rimanere da loro ed egli rimase là due giorni. Molti di più credettero per la sua parola e alla donna dicevano: «Non è più per i tuoi discorsi che noi crediamo, ma perché noi stessi abbiamo udito e sappiamo che questi è veramente il salvatore del mondo».
Parola del Signore.


 

…Meditiamo…

Come vivere questa Parola?

 

Pensieri di una donna samaritana

Il primo viaggio di Gesù in Giudea non è stato dei migliori. A parte il fatto di aver instaurato un bel rapporto di amicizia con un fariseo di nome Nicodemo, molto interessato alla sua dottrina anche se timoroso al punto che andava da lui di notte, l’opposizione che incontra nei Giudei e nelle autorità del popolo era dovuta al fatto che quell’uomo così affascinante in poco tempo aveva fatto più discepoli di Giovanni il Battista. Quello, me lo ricordo bene: ci andavamo anche noi al Giordano a farci battezzare da lui. Ma Gesù aveva appena iniziato la sua vita pubblica: tre anni sono lunghi, occorre andarci piano. Allora, con i suoi discepoli, decise di tornare a “ricaricare le pile” in Galilea. E per farlo dovette attraversare la mia regione, la Samaria.
A parte che mi suona già strano – ora che ho conosciuto lui – il verbo “dovere” legato ai gesti e alle parole di Gesù: se aveva un dovere, ce l’aveva nei confronti del Padre, non certo nei confronti della gente. Ma ciò che suonò più strano fu l’aspetto geografico del “dover attraversare la Samaria”. Per andare dalla Giudea alla Galilea non era certo necessario passare dalla Samaria; risalire dalla Valle del Giordano era la via più comune, e c’era anche chi non disdegnava di passare dal litorale del Mediterraneo, pur di evitare il passaggio nella nostra terra di eretici, separatisti, idolatri e avanti con tutti i “complimenti” dei Giudei nei nostri confronti…
Che noi Samaritani fossimo dei bastardi, del resto, non era una novità: nati dalla fusione degli Assirobabilonesi venuti a colonizzare la Samaria dopo la deportazione del popolo, con il piccolo resto dei nostri antenati, per sopravvivere, dovemmo assumere cultura, lingua, usanze e riti religiosi dei conquistatori, senza però dimenticare la nostra origine, in una sorta di sincretismo culturale e religioso odiato e biasimato dai “puri” di Gerusalemme. Gente ai margini, quindi, disprezzata, fuori dalla salvezza: proprio l’ideale per Gesù, che sempre andava in cerca delle situazioni limite, della gente “borderline”, oggi voi dite delle “periferie esistenziali”. E lui, mica era Giudeo; ma per noi Samaritani faceva lo stesso, era sufficiente provenire da Gerusalemme per essere un potenziale “untore” che infettava di Giudaismo puritano il nostro mondo. Ma perché Gesù “doveva” passare di là proprio quel giorno, pur potendo (e sarebbe stato meglio per lui e per i discepoli) farne a meno? È chiaro che si sentiva “in dovere” di farlo, così come “doveva” fare le opere del Padre suo, così come “doveva” a tutti i costi salvare qualcuno: Gesù “doveva”, aveva “necessità”, aveva “bisogno” di passare dalla Samaria. Era un bisogno impellente, quasi fisico, come se avesse avuto “sete” di salvare almeno qualcuno del mio popolo; come se avesse avuto “sete” di farci sentire che agli occhi di Dio non eravamo per niente emarginati.
La sete che egli avvertì nei pressi del pozzo qui a Sicar non era solo la sete del viaggio, nell’arsura del mezzogiorno: era sete dell’umanità, di un’umanità emarginata, a sua volta assetata di verità e di giustizia. Ed eccola, l’umanità assetata di cui aveva sete: la sottoscritta, che quel giorno va ad attingere acqua al pozzo. Entrambi avevamo sete, e non solo di acqua. Non ci vuole molto a capire che se andavo al pozzo ad attingere acqua in un orario così inusuale per una donna (noi potevamo andarci solo al mattino, per avere il tempo di accudire alla famiglia…chi l’aveva…) probabilmente avevo sete di ben altro: a quell’ora in genere passavano viandanti, pellegrini, beduini affascinanti, e comunque solo uomini. Le mie comari avevano paura a incontrarli: ma che problemi potevo avere io, che di amori vissuti e falliti me ne intendevo alla grande? Ne ho fatti passare sei, mi mancava il settimo per trovare l’uomo perfetto! E, di fatto, il settimo uomo della mia vita mi ha cambiato l’esistenza, ma non certo come speravo io. Mi sono trovata di fronte un uomo che aveva sete, e che quindi non poteva dissetarmi. Un po’ strano, come uomo: innanzitutto viene da Gerusalemme, e nonostante questo mi rivolge la parola; poi è uomo, e non è stato certo fine nel “provarci” con me: “Dammi da bere”…aò, calmino! Ma la cosa più strana è che pur avendo sete sostiene di avere a sua disposizione una sorgente di acqua viva: un’altra qualità, rispetto all’acqua di pozzo, attingere la quale tra l’altro richiede fatica, mentre da una sorgente si beve solamente inginocchiandosi o attingendo con le mani.
“O è un po’ “fuori”, questo Giudeo, – ho pensato – oppure è un tipo tosto, molto più tosto del nostro padre Giacobbe che aveva ideato, circa 1700 anni prima, quel pozzo a cui avevano attinto miriadi di generazioni”. Beh, un certo fascino ce l’aveva, niente da dire: per cui, visto che voleva ironizzare, sono stata al suo gioco e gli ho chiesto un po’ di questa “acqua che zampilla per la vita eterna”! Ebbene sì, era un tipo tosto, anzi, un profeta: era la prima volta che mi vedeva, e tira fuori subito la storia dei miei cinque mariti più uno, dimostrando di esserne perfettamente a conoscenza. Siccome però del tutto scema non sono, allora gli faccio vedere che qualcosa conosco pure io: so bene che il mio popolo di Samaria aveva costruito, lungo i secoli, cinque santuari su cinque colline diverse, e che ora il santuario del Garizim non era riconosciuto come tale dai Giudei.
Visto che questo Giudeo sa tutto di amori falliti, forse sa tutto anche di religioni fallite, di “tentativi” di adorare Dio e di rinchiuderlo nella gabbia delle istituzioni, delle regole, delle leggi, delle norme, di una purezza di intenzioni che facciamo fatica a vivere nella vita affettiva, figuriamoci nella vita di fede! Ma sapeste che fascino, quest’uomo: “Dio non è una religione”, questo è stato capace di dirmi! Dio non si identifica col tempio di Gerusalemme, né col santuario del Garizim, né con un insieme di leggi, di rituali, di istituzioni più o meno legittime e sante. “Dio è spirito e verità”, mi ha detto. “Spirito” perché libero, non riconducibile o inscatolabile in alcun tipo di struttura; “verità”, perché tra le tante menzogne e fallimenti della vita di ogni giorno, almeno lui rimane un punto di riferimento sicuro.
Alla fine mi veniva da chiedergli se per caso non fosse il Messia che stavamo aspettando, ma mi ha affascinato di nuovo giocando in anticipo e rivelandosi come tale. E sapete come mi ha chiamata? “Donna”. Pare che questo termine lo usasse solo con sua Madre, l’unica da lui ritenuta una “vera donna”. Poi qualche anno più tardi incontrai un’adultera salvata da lui dalla lapidazione, e una sua discepola un po’ “farfallona” di nome Maddalena che mi dissero che chiamava “donna” pure loro. Altro che sgualdrine senza dignità, come ci ritenevano gli altri: lui ci considerava “donne”, alla stregua di sua Madre.
Avevo trovato davvero l’uomo giusto, il settimo della mia vita: non ho certo buttato all’aria nuovamente quello che con fatica stavo cercando di costruire, in cerca di un amore vero e di una fede genuina. Di certo, mi è entrata nel cuore una gioia talmente grande che non mi sono neppure accorta di aver lasciato la brocca sul pozzo, mentre correvo in paese a chiamare gli amici per annunciare loro che avevo incontrato il Messia. Mi sono pure dimenticata di bere e di dargli da bere: ma a quanto pare, né io né lui ne avevamo più bisogno. Ci eravamo già dissetati a vicenda…

 

 

 

(don Alberto Brignoli)

//]]>