Vangelo del giorno meditato
«Voi dunque pregate così»

Vangelo del giorno meditato
” Il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.”
19 Giugno 2019
Meditiamo il Vangelo di oggi
«Dov’è il tuo tesoro, là sarà anche il tuo cuore»
21 Giugno 2019

Vangelo del giorno meditato
«Voi dunque pregate così»

 Mt 6,7-15
+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Pregando, non sprecate parole come i pagani: essi credono di venire ascoltati a forza di parole. Non siate dunque come loro, perché il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno prima ancora che gliele chiediate.
Voi dunque pregate così:
Padre nostro che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno,
sia fatta la tua volontà,
come in cielo così in terra.
Dacci oggi il nostro pane quotidiano,
e rimetti a noi i nostri debiti
come anche noi li rimettiamo ai nostri debitori,
e non abbandonarci alla tentazione,
ma liberaci dal male.
Se voi infatti perdonerete agli altri le loro colpe, il Padre vostro che è nei cieli perdonerà anche a voi; ma se voi non perdonerete agli altri, neppure il Padre vostro perdonerà le vostre colpe».

Parola del Signore

 


 

…Meditiamo…

Come vivere questa Parola?

 

 

Dicevamo Domenica scorsa che “la Quaresima è il tempo forte per eccellenza dell’Anno Liturgico, nel quale ogni cristiano è chiamato a una preghiera più intensa e prolungata”. Ed ecco che proprio oggi, nel Vangelo odierno, Gesù, il nostro unico Maestro di preghiera, ci rivolge una lezione magistrale sulla preghiera. Anzitutto, in negativo, Egli ci insegna che pregare non consiste nello sprecare molte parole con Dio riguardo ai vari nostri bisogni, «perché il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno prima ancora che gliele chiediate». Pregare non consiste nemmeno nel tentativo vano di piegare Dio alle nostre voglie velleitarie o cercare di rabbonirlo nei nostri riguardi, perché Dio non è un “padre-padrone”, ma è solo un autentico Padre che ama perdutamente i suoi figli, prima ancora di tutti i loro bisogni.

In effetti Gesù era molto preoccupato della preghiera dei suoi discepoli. Voleva che essi pregassero sempre, con insistenza e che la loro preghiera fosse autentica, limpida, trasparente, umile e tenace.

E ora soffermiamoci ancora un momento su questo vocativo stupendo: “Padre!”. Esso è veramente insolito e sorprendente. ?Padre’ non è uno dei tanti nomi e attributi di Dio, come l’Immenso, l’Eterno, l’Increato…, ma è il Suo Nome proprio per eccellenza: “Se lo chiamo Padre dico di lui tutto” (Teofilo di Antiochia, Ad Autolico I,3). Per dire Padre, Gesù ha usato un termine della sua lingua materna, l’aramaico (Abbà), che dovrebbe essere tradotto in italiano con ?Papà’ e che esprime tutta l’intimità filiale che sgorga dalla contemplazione del Figlio verso il Padre celeste. La prima parola del Padrenostro è già un annuncio che ci pone al centro della preghiera cristiana per eccellenza, perché in essa è già contenuto, come in germe, tutto.

La bella notizia che Dio è Abbà e che noi siamo suoi figli è liberante e ci è di enorme conforto. Vuol dire che all’origine della nostra vita non c’è stato il caso o il destino, ma una decisione libera, colma di un amore totale, personale, e di una gratuità assoluta. Non siamo né schiavi, né orfani, siamo soltanto, immensamente e per sempre, figli amati!
Oggi, lungo la giornata, mi soffermerò a meditare e a pregare profondamente e semplicemente il Padrenostro di Gesù, questa preghiera stupenda, “che riassume tutto il Vangelo” (Tertulliano).

La voce della Parola di Dio

«Quale grande amore ci ha dato il Padre per essere chiamati figli di Dio, e lo siamo realmente “

1Gv 3,1

 

(Casa di Preghiera San Biagio FMA)

 


//]]>